sabato 12 maggio 2018

Brigitte






Ti ricordi Alice?
L’avevi trovata a terra, per terra, sulla terra, decisamente “a terra” …...
Non era il suo mondo, non la sua condizione, sicuramente l’avevi trovata nella terna cartesiana opposta a quella relativa alla sua natura.
Per terra, “a terra” che più di così non si può. .
Il suo mondo era l’aria, il cielo come diremmo noi “terrestri”.
Noi che usiamo “il cielo” per indicare ancora adesso, nonostante l’aeronautica, un sogno, un Dio.
Beh, non c’èra allora, e non c’è dubbio neppure ora, che il suo mondo fosse il cielo.
Senza Dei, senza tutta la nostra “poesia”.
Era semplicemente il suo “mondo”, la sua triade cartesiana.
Dieri anche di più, nel tuo sentire di allora.
Il suo spazio temporale curvo.
La sua natura.
Il suo possibile ed unico “esistere”, “essere”.
Tu lo avevi compreso.
E comprendere è molto più in là di “conoscere” o “sapere”.
Io ero pessimista, avevo tanta paura, non volevo che potessi averne una delusione.
Una rondine, un piccolo di rondine caduto dal suo nido, la sua casa….
Come avrebbe mai potuto…?
Sopravvivere….
Vivere….
Mio padre mi aveva insegnato molte cose sulla natura.
Ed era saggio.
Uno dei rari saggi rimasti.
Ed io temevo l’illusione, la delusione per una vita che, secondo il grande saggio, non aveva alcuna speranza.
Non volevo che tu potessi vivere un “sogno” che sarebbe divenuto delusione se non incubo.

Brigitte.
Punto.

Hai deciso di darle un nome e con esso, una speranza, una illusione…...
Avevo paura.
Troppa che potessi soffrire, ma ho accettato.
Brigitte.
La tua decisione, la tua scelta.
Io ho accettato.
La tua decisione.
Chissà che i “piccoli” conoscano più dei “saggi”…..
Chissà….
L’hai nutrita, l’hai curata e credo gli hai dato tu la vita che non aveva più…., almeno secondo la “storia” e le sue “logiche” possibilità, secondo la legge dei “saggi”….
Io ti ho solo seguita, accondiscesa, aiutata.
Tu l’hai salvata.
L’hai salvata con tutto il tuo coraggio e la tua determinazione.
Non sono stati i “vermi” comprati al negozio di pesca, e neppure la dieta consigliata dalla Lipu.
L’hai salvata tu.
Con tutto quell’immenso amore….
Ti ricordi quando, tornato dal lavoro, ci mettevamo sul divano e Brigitte ci faceva festa, volando in tondo nello spazio cartesiano, ma curvo, della nostra piccola sala?
E poi si posava sulle nostre spalle a guardare la TV…?
Non sono mai riuscito a crederci, nemmeno  adesso ci riesco troppo, mi sembra davvero una favola.
Che tutto questo possa essere successo davvero.
Brigitte, la piccola rondine caduta dal suo nido che svolazzava libera nel “ristretto” della nostra umile abitazione e condivideva le nostre abitudini.
Eppure è vero, è successo.
Ed è solo merito tuo.
Con tutto quel tuo immenso amore……
So che hai pianto il giorno che ho alzato le zanzariere.
Ho pianto anche io, seppur di nascosto.
Era arrivato il suo tempo.
Il tempo della libertà, ma forse, e ancor di più, della sua natura.
Era ormai tre sere che la sua “razza” veniva a chiamarla, a sollecitarne il “vieni con noi”.
Giravano in tondo quasi fino a sfiorarla, e garrivano e chiamavano.
Lei ci ha messo tre sere per comprendere.
Alla quarta è volata via.
Con le sue compagne e i suoi compagni.
Nel cielo.
Senza il nostro Dio, solo con il suo, che forse è poi lo stesso…
L’hai salvata tu.
Con tutto quel tuo immenso amore.
E basta.
E prego e spero.
Che molto presto o molto tardi.
Nel suo giusto tempo.
Qualcuno possa alzare altre zanzariere, per lasciare ad un'altra “Brigitte” la sua opportunità, il suo Dio, la sua vita.
Sapendola pronta di poter volare.
Attraverso quello spazio curvo, pieno di pericoli.
Ma pieno anche di libertà.
Quella libertà che dobbiamo assicurare a noi stessi.
Prima di “prendere il volo” con tutti i suoi rischi.

Carissima, infinitamente dolce, infinitamente figlia,  immensamente piena d'amore, “Brigitte”

FranzK.

A mia figlia Alice e basta.

Nessun commento:

Posta un commento